SoloNapoli
SoloNapoli - Sarri e sarrismo
HOME | REGISTRATI | DISCUSSIONI ATTIVE | DISCUSSIONI RECENTI | SEGNALIBRO | MSG PRIVATI | SONDAGGI ATTIVI | UTENTI | REGOLAMENTO DEL FORUM | CERCA | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Non SoloNapoli
 L'angolo dell'articolo
 Sarri e sarrismo
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione  

Dario
Moderatore


Prov.: Napoli
Città: Pompei


3916 Messaggi

Inserito il - 16/06/2019 : 17:00:28  Mostra Profilo Invia a Dario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Non c'è niente di più sbagliato che mitizzare qualcuno in un mondo di mercenari. A Napoli ultimamente questo errore si è ripetuto un paio di volte: Higuain e ora Sarri. Spero sinceramente che la lezione sia servita e che l'errore, quindi, non si ripeta più. Non vorrei, poi, sentirmi o mettermi nei panni di chi qualche tempo fa, un paio di mesi forse, espose uno striscione al San Paolo con su scritto: " Sarri uno di noi". Chi sa come devono sentirsi oggi gli autori di quello striscione. Se tanto mi dà tanto, come minimo devono sentirsi...lasciamo perdere. Inutile sparare sulla croce rossa. È quella stessa gente che diede a Sarri l'appellativo, penso ora non lo faccia più, di Comandante. Di Comandante ce n'è stato uno solo e si chiamava Ernesto Guevara, meglio conosciuto come il Che, che è un intercalare tipicamente argentino da cui il nomignolo datogli dai cubani. Suvvia, paragonare Sarri a Guevara è quantomeno irriverente e sciocco. Il tecnico toscano è un uomo qualunque, uno dei tanti mercenari che popolano il mondo del pallone. Punto.
Detto questo, lo ringrazio per i tre anni di bel gioco che ci ha regalato, per le emozioni che ci ha donato e per lo scudetto che ci ha fatto vincere ma che non risulta negli annali del calcio per chiaro ed evidente furto del Palazzo al cui servizio va ora Sarri. No, amici e fratelli azzurri, non esistono miti in tal mondo, facciamocene una ragione! Noi siamo stati un trampolino per Sarri, che l'ha aiutato ad essere ricco e popolare. È stata solo questa la nostra missione. Tutto qui. In particolare, non dimentichiamoci di quella dedica ai tifosi napoletani in occasione della vittoria del suo Chelsea in Europa League: quello fu il bacio di Giuda. Noi dobbiamo amare solo Napoli e il Napoli. Punto. L'abbiamo reso, poi, così popolare che perfino la Treccani ha coniato, sbagliando, un nuovo vocabolo: sarrismo. Ora la Treccani, parafrasando Carl Gustav Jung e cercando di rimediare all'errore commesso, sul sarrismo dovrebbe aggiungere quanto segue: il non rimpiangere le persone che si perdono col tempo, ma rimpiangere il tempo che si è perso con certe persone, perché le persone non ci appartengono, gli anni sì.
Un'ultima cosa. Quando la Juve sarà di scena al San Paolo, mi raccomando e per favore, niente striscioni e quant'altro, ma totale e assoluta indifferenza.


Modificato da - Dario in Data 16/06/2019 17:12:32

lele_80
Utente Attivo



752 Messaggi

Inserito il - 17/06/2019 : 08:28:39  Mostra Profilo  Invia Email  Rispondi Quotando
A volte anche le persone più intelligenti confondono tifo e lavoro. Lo sono tutte queste persone che da ieri scriveranno di Sarri come traditore! Confondono il fatto che Sarri non è tifoso del Napoli è un allenatore di calcio , a noi è dato tifare sempre e solo per una squadra e se noi cambiassimo allora sì saremmo traditori ma loro sono semplicemente lavoratori. Io a Sarri sarò sempre grato perché per tre anni ha dati il 110% per noi ci ha portato ad un livello di gioco è risultati eccezionali, poi ha finito il suo ciclo e se n è andato. Io lo applaudirò sempre .
Torna all'inizio della Pagina

luigi2702
Utente Master


Prov.: Napoli
Città: Portici


11146 Messaggi

Inserito il - 19/06/2019 : 00:01:49  Mostra Profilo  Invia Email Invia a luigi2702 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Si infatti a NApoli la gente sogna il giocatore simbolo. IN quesot caso allenatore simbolo. La prima cosa in aprte si è realizzata con Diego (che pero' negli ultimi anni ad ogni estate voleva lasciare napoli, specialmente per i problemi di droga e frequentazioni sbagliate). Ma mitizzar eun allenatore, che , come oggi tutit i calciatori, sono solo dei mercenari che hanno il dovere di giocare al massimo durante il loro periodo di contratto, è davvero inutile. Attribuire a Sarri il ruolo di che è stato divertente magari, ma ha lasciato il tepo che a trovato. Pero', i calciatori del napoli che poi cambiano casacca e restano spesso amati, quanot meno ricordati. Ma quelli che vanno alla juve, no, su di loro resta un marchio di infamia, magari non particolarmente devastante, ma resta impresso sulla loro pelle. SI veda Ciro Ferrara, Cannavaro, Zoff. Cambia per noi, è inevitabile. Detto questo, l'indifferenza sarebbe davvero il miglior modo per manifestare quesot sentimento dovuto al "tradimento" sportivo-
Torna all'inizio della Pagina

Dario
Moderatore


Prov.: Napoli
Città: Pompei


3916 Messaggi

Inserito il - 21/06/2019 : 18:56:00  Mostra Profilo Invia a Dario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Io, caro lele_80, ho ringraziato Sarri nel mio post per i tre anni di splendido calcio che ci ha regalato. Non discuto l'allenatore ma, consentimi, l'uomo sì, specialmente dopo la conferenza di ieri sulla quale stendo un velo pietoso. Sarri, per concludere e a mio modo di vedere, avrebbe dovuto dimettersi dopo le incaute, lo fa quasi sempre, dichiarazioni di ADL allorquando subimmo la sconfitta a Madrid. Non lo fece e oggi ADL, pur avendo sfacciatamente torto, gode della sua andata alla Juve e del crollo di un mito. Bada bene, amico caro, che Sarri, basta riascoltarsi le sue dichiarazioni, alimentò quel mito e lo cavalcò a più non posso. Ieri lo ha negato ed è passato da uomo qualunque a uomo...ti lascio immaginare.

Torna all'inizio della Pagina

lele_80
Utente Attivo



752 Messaggi

Inserito il - 23/06/2019 : 10:37:03  Mostra Profilo  Invia Email  Rispondi Quotando
Ricordo bene le sue dichiarazioni, ma ribadisco che non ci vuole molto a capire che Delle dichiarazioni fatte in conferenza stampa non rappresentino il pensiero di una persona soprattutto intelligente come Sarri ma solo la facciata come ogni dichiarazione pubblica rappresenta sia nel bene che nel male. Per cui non era un condottiero prima né un traditore ora ma semplicemente in lavoratore che dava il 110% .
Torna all'inizio della Pagina

luigi2702
Utente Master


Prov.: Napoli
Città: Portici


11146 Messaggi

Inserito il - 26/06/2019 : 15:06:03  Mostra Profilo  Invia Email Invia a luigi2702 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
In realta' nel calcio sono tutti salvo rare eccezioni mercenari. Lavoratori si ( ma stipendiati in modo assai diverso dall'impegato) , quindi voltafaccia e voltagabbana al migiore offerente, magari rispettosamente l'anno sucessivo. Cosi' unziona per cui con le dichiarazioni se ne fai di un certo tipo dopo ti devi adeguare al nuovo ambiente. QUindi sarebbe assai meglio non baciare la maglia, non fomentare il tifo del momento per opportunismo, quanto piuttosot dichiarare il massimo impegno nella durata del contratto. Nesusno escluso. In mancanza si fanno oslo igure meshcine, come molti altri non solo sarri
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
SoloNapoli © Italiacom Srl Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,23 secondi. | Snitz Forums 2000