SoloNapoli
SoloNapoli - 'O sfizio
HOME | REGISTRATI | DISCUSSIONI ATTIVE | DISCUSSIONI RECENTI | SEGNALIBRO | MSG PRIVATI | SONDAGGI ATTIVI | UTENTI | REGOLAMENTO DEL FORUM | CERCA | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Non SoloNapoli
 L'angolo dell'articolo
 'O sfizio
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione  

Dario
Moderatore


Prov.: Napoli
Città: Pompei


3916 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 00:01:25  Mostra Profilo Invia a Dario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Anche questa partita è archiviata, ma quanta sofferenza. Mancano ora solo due punti per passare il turno e approdare agli ottavi, ma occorre qualche modifica e più cattiveria agonistica. Anche oggi lo stesso sbaglio: centrocampo regalato agli avversari. Mi chiedo: Elmas è sparito come Ghoulam? Mistero. A mio modo di vedere, manca l'uomo davanti alla difesa, vale a dire quell'uomo che può dare finalmente quell'equilibrio desiderato. Credo che Elmas possa svolgere questo compito. Del resto, hai fatto mille esperimenti, cosa ti costa farne un altro? La squadra è lunga e la difesa manca di protezione. Allan, come interdittore, è il numero uno, ma non può far ripartire il gioco. Prima ci si mette in testa questo, e meglio sarà per tutti. Inoltre, Calleti è visibilmente stanco, così Ciro, perché insistere? Fortunatamente alle porte c'è la sosta, ma serve sale in zucca.
La partita. Ennesimo esperimento. Il Napoli, rispetto a Roma, si presenta con Maksi al posto di Manolas e in avanti Ciro a far coppia con Lozano, mentre in panchina siede Milik. Si parte.
Squadre accorte e guardinghe. Il Salisburgo, come ovvio, prova un po' di più, ma niente di speciale. All'11° ennesimo orrore di K2. Gli orrori stanno cominciando a diventare un po' troppi. Commette un fallo in area su di un avversario. Fallo inutile e sciocco. L'arbitro decreta giustamente il rigore, che viene trasformato da Haaland. È l'unica cosa per la quale si fa notare questo ragazzone. Mi sembra sinceramente assurda la valutazione che il Salisburgo ha dato di lui, 100 milioni, ma stiamo scherzando? Il Napoli accusa il colpo, poi si riprende. Diverse occasioni per la squadra azzurra, ma tutte sprecate. Fa rabbia quella di Calleti che si stampa ancora sul palo. Al 44° il Napoli perviene al meritatissimo pareggio con Lozano. Il messicano viene servito ai limiti dell'area da Insigne. Prende il tempo ad un avversario e di destro trafigge Coronel sul primo palo. Si va all'intervallo sul risultato di parità.
Secondo tempo. Luperto prende il posto di Mario Rui. Tutto il secondo tempo non è un granché. C'è da segnalare un gran tiro-pallonetto di Insigne, che si stampa sulla traversa. Il pallone rimbalza sulle spalle del portiere, ma va fuori. Questa è sfortuna! Finisce in parità. Il Napoli è a solo due punti dagli ottavi.
Milik sostituisce uno stremato Ciro e Llorente un grandissimo Lozano.
Io vivo di sfizi. Per quanto riguarda il calcio, lo sfizio dello scudetto me lo sono tolto, cosi come quelli della Coppa Italia e della Coppa UEFA. Me ne manca uno solo. Io non metto mai limiti alla Provvidenza. Non sono ingordo, quindi lo scudetto mi interessa, ma fino ad un certo punto. Per grazia ricevuta, non sono uno strisciato e...e vivo di sfizi. Di scudetti ne vinci uno, o ne vinci quaranta, per me fa lo stesso, perché è questione di sfizio. Ne parleremo quando mi sarò tolto l'ultimo, quello che più di tutti è: 'O SFIZIO!
Meret oggi è stato spettatore. Ottimo Di Lorenzo. Inguardabile Mario Rui e anche Luperto che l'ha sostituito. Maksi è stato un gigante. K2 si è ripreso dopo lo strafalcione. Zielinski è sulla buona strada, oggi più che sufficiente. Calleti ha bisogno di riposo, oggi inutile. Fabian non rende a destra. Ciro è bene che scenda di nuovo sula terra. Lozano è uno spettacolo negli spazi. Questa è stata la sua miglior partita. Insigne? Non discuto il suo impegno. Fa cose pregevoli, poi si abbandona ai soliti egoismi senza senso. Ad ogni modo, più che sufficiente. Ancelotti? Mi dispiace, ma totalmente insufficiente.
Testa al Genoa e riprendiamo a correre, forze permettendo.

Mario
Utente Master


Prov.: Salerno
Città: Salerno


3389 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 09:03:39  Mostra Profilo Invia a Mario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Oggi mi sono svegliato disgustato dal comportamento dei giocatori.

Il ritiro è un'usanza del nostro calcio, usanza che deriva dal passato e ormai superata con l'avvento dei calciatori visti come delle star.

Ma anche oggi squadre come Roma, Milan, Inter, Sampdoria, Genoa, l'hanno sperimentato e non mi pare che si sia arrivati all'ammutinamento.

Ancor peggio il mister Ancelotti che con la sua presa di posizione contro il ritiro ha praticamente legittimato sti 4 coglioni che si credono fenomeni a sospendere il ritiro.


4 giorni di ritiro fino a sabato avrebbero fatto loro male?

Il Napoli paga tutti e con anticipo, non ha debiti verso i giocatori, sti 4 coglioni che abbiamo in rosa se lo ricordano?


Schifato.

La verità è una sola, i giocatori vanno e vengono, rimane solo la maglia, quella maglia che sti 4 coglioni non sudano più!



Modificato da - Mario in data 06/11/2019 09:04:54
Torna all'inizio della Pagina

luigi2702
Utente Master


Prov.: Napoli
Città: Portici


11146 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 10:42:47  Mostra Profilo  Invia Email Invia a luigi2702 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Piu' che della partita analizzata da Dario, che stavolta avremmo davvero meritato di vincere, ma tra pali, imprecisione, errori individuali e sfortuna, non è nandata (ma si pensi alla tanto gloificata Inter...), l'argomento del giorno è l'ammutinamento! Forse sarebbe bastato buon senso.... lasciarli riposare oggi dopo la prestazione, non il risultato, e ricominciare il giorno dopo, senza calcalre la mano. Il tecnico aveva avallato la protesta, poenendosi in disaccordo con il patron.
Non si è capito se i calciatori speravano in un dietro front dopo una buona partita o, se invece (secondo un altro giornale locale) avevano avuto una promessa in tal senso (ma pare improbabile.
Certo è che sicuramente, indipendentemente da come andra' a finire, i 5 capi della rivolta (pare ci siano Insigne, Allan, Koulibaly probabilmente quelli in sadenza, Mertens e Calleti) , ne sono certo, andranno via non appena possibile, col mercato o magari con la scadenza. PIu' o meno come all'epoca della rivolta di Bagni e GIordano contro Bianchi, solo che adesso è contro il Presidente.
Inoltre, per forza di cose, la sapccatura, per quanto sanata magari in queti giorni, segnera' l'addio di qualcun altro, probbilmente anche il tecnico che ha avallato indirettamente l'ammutinamnto, sia pure con una semplice frase.
Dispiace, perche' non era il caso dopo ua buona prestazione, di fronte all'Uefa, creare questo caos, al di l' delle buone ragioni che potevano avere i calciatori, ovviamente fino a un certo punto.
Invece di ricompattare l'ambiente, in seguito agli orrori arbitrali, contro il palazzo, in questo modo si è creata una spaccatura interna, che dimostra tutto lo stato di tensione creatosi, che spiega in parte anhe i troppi errori , dovuti alla deoncentraizone e al malumore. Il malumore in effetti causa sempre errori , in qualunque lavoro. Chiunque nella sua vita puo' e ha potuto sperimentare come la mancanza di equilibrio psicologico possa causare non la mancanza di impegno, quanto piuttosto nervosismo e deconcentrazione. Non so come finira' ma sono certo che questo casino ha spaccato il Napoli, da un aparte i senatori, dall'altra a meta' il tecnico, da un'altra parte il Presidente. Ognuno con pareri diversi, tra l'altro, come detto dallo stesso ADL in sede di mercato. Resta da capire cosa fara' Giuntoli..... per cercare di trovare un compromesso, sperando che non si vada alle vie legali con multe e ricorsi. NOn era proprio il caso di creare questo caos, in un momento difficile. Andare avanti on i separati in casa sara dura adesso. Non escludo anche un possibile esoero non tecnico di Ancelotti, ma punitivo, con conseguenze inimmaginabili adesso e la messa fuori rosa dei cinque capii-istigatori della rivolta.

Modificato da - luigi2702 in data 06/11/2019 10:45:44
Torna all'inizio della Pagina

Mario
Utente Master


Prov.: Salerno
Città: Salerno


3389 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 11:27:11  Mostra Profilo Invia a Mario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Credo che l'obiettivo del Presidente fosse solo quello di esortare i giocatori a ritrovare la concentrazione, ricompattarsi, dirsi le cose in faccia, confrontarsi anche con il mister circa le possibili soluzioni.

Benchè se ne dica il Napoli non sta giocando bene, soffre contro squadre nettamente inferiori (ricordo Cagliari, Brescia e Verona ad esempio) in un periodo in cui nemmeno la fortuna bacia i colori azzurri.

Ma quando il datore di lavoro prende una decisione secondo me il boccono va ingoiato, anche perchè il ritiro sarebbe durato appena una settimana.

Avrei capito l'ammutinamento solo di fronte ad un ritiro senza termine definito.


In un'epoca in cui (tanto per dirne una) ci sono mogli e madri di famiglia che alle 6 da Napoli prendono il treno per andare a fare le mastre a Roma per poi rincasare la sera, sinceramente trovo schifoso il comportamento dei calciatori che evidentemente non ricordano di essere semplicemente dei privilegiati!
Torna all'inizio della Pagina

luigi2702
Utente Master


Prov.: Napoli
Città: Portici


11146 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 12:15:24  Mostra Profilo  Invia Email Invia a luigi2702 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Mario sul fatto che i calciatori siano dei privilegiati nulla questio. Se non sono capaci id ingoiare un boccone "amaro" con la Ferrai, per alcuni, ma quanto meno il Mercedes ultimo odello full optional fascia massima a casa (e che casa....), allora siamo mesis male, ma in questo circo penso sia cosi' per tutti quelli di vertice, mentre quelli delle serie B e delle prvinciali non possono permetterselo.
Sicuramente il comportamento è da stigmatizzare, ma ripeto sarebbe bastato un po' di buon senso per mediare e evitare tutto questo caos, se ancora era possibile. Farli tornare a casa dopo la prestazione per riprender eil ritoro magari venerdi mattina prima della sfida importante di campionato. E magari stabilire, come fu fatto in altri tepi, di fare il ritoro prima di ogni partita ( uno o due giorni) fino a miglioramento dei risultati. Ma sono solo degli esempi. La rottura totale è un gran casino, al di la' del comportamento moralmente discutibile delle "prime donne". E, comunque, questo episodio rappresenta proprio il totale mal di pancia di quelli che ormai possono definirsi ex calciatori del napoli, due per scadenza, gli altri tre per insofferenza ( lo stesso Kou avrebbe disdetto il suo apaprtamento....) e mal di pancia vari. Non a caso sono stati due di questi ultimi tre piu' volte (ALlan e Insigne) sul punto di essere venduti sul mercato, ma non si p mai trovta l'offerta economica giusta. L'addio di Kou a questo punto è quasi inevitabile, visto anche lo scarso rendimento finora e le sirene inglesi. Resta da cpaire cosa fara' Ancelotti o ADl nei sui confronti. Sono possibili tre scenari: a) l'esonero con l'arrivo di Allegri o Spalletti ( tremendo) 2) le dimissioni 3) Ancelotti andra' via a fine stagione per incomprensioni varie cercando di chiudere al meglio la stagione.
Resto dell'idea che il responsabile principale (che non significa colpevole) di questo caos sia ADL, fermo restando le responsabilita' di calciatori e tecnico. Ed è lui adesso che deve uscirne, in un modo o nell'altro, perche' dalle sue scelte dipende il futuro del Napoli.
Torna all'inizio della Pagina

Mario
Utente Master


Prov.: Salerno
Città: Salerno


3389 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 12:55:04  Mostra Profilo Invia a Mario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Luigi perdonami ma dissento.

Credo che come accade altrove anche a Napoli il Presidente possa rompersi le scatole di vedere una squadra svogliata in mezzo al campo, e possa pretendere di richiamare tutti all'ordine con un ritiro di 1 settimana, ripeto 1 sola settimana.

Per me ADL non ha sbagliato nulla.

Il comportamento dei calciatori è semplicemente vergognoso.

Contatti con i loro avvocati, contatti con l'assocalciatori.

Ma scherziamo?

Questi non stanno bene con la testa, non sono dei vincenti, non hanno mai vinto nulla e si atteggiano a Messi e CR7.


Via da Napoli mele marce!!!!
Torna all'inizio della Pagina

Dario
Moderatore


Prov.: Napoli
Città: Pompei


3916 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 14:40:31  Mostra Profilo Invia a Dario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Concordo su tutto con Mario e, in parte, con Luigi. In questa penosa e ridicola vicenda non trovo colpe da imputare ad ADL.
Che lo spogliatoio fosse destabilizzato non dico che era noto a tutti, ma lo si sopettava fortemente. L'inizio della destabilizzazione è iniziato quando Ancelotti si permise di sostituire sua maestà Insigne. Seguirono le sceneggiate in campo di sua maestà, l'intervento della famiglia sui social, la riunione col suo procuratore a casa di Ancelotti. Insigne è il principale, l'ho detto in tempi non sospetti e Luigi me n'è testimone, responsabile di quanto accaduto. Personalmente ho capito questo signore dalle interviste di un suo amico, tal Cassano di Bari vecchia, il quale, a proposito di Insigne, una volta disse: - Bravo ragazzo? Sì, un figlio di buona donna.- Lui dovrebbe ringraziare ADL che gli passa ogni anno puntualmente 10 miliardi delle vecchie lire, altro che ammutinamento, insubordinazione e via dicendo. Mi auguro che sia arrivato il momento di liberarcene una volta e per tutte.
Per quanto espresso da Mario, è ridicolo rifiutare qualche giorno di ritiro. Di questi tempi, poi, con questi chiari di luna. Con ragazzi che sono costretti a lasciare il Paese per trovare un misero lavoro. Con gente che non si cura perché non ha soldi. Con tanti che non arrivano a fine mese. Con altri che ogni giorno fanno centinaia di chilometri per andare a lavorare, e mi fermo per carità di patria. Suvvia, è ridicolo, tremendamente ridicolo! Ma che si sono messi in testa questi quattro privilegiati che non fanno altro che correre in mutande appresso a un pallone? Ridatemi il calcio di un tempo.
Deluso da Allan, che così si sfoga per il suo mancato passaggio al PSG.
Deluso da K2, che era diventato un eroe.
Deluso da Mertens, che si considerava uno di noi.
Non deluso da quella specie di capitano, semplicemente me l'aspettavo.
Dopo questa storia, mai più un grammo di passione a questi mercenari, mai più.
Per concludere, un consiglio a De Magistris: smettiamola con chiavi della città, o cittadinanza onoraria per questa gente: Napoli è roba seria!

Torna all'inizio della Pagina

pio
Utente Master




3380 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 17:41:46  Mostra Profilo Invia a pio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Contento che sia scoppiato il bubbone,Adl ha fatto bene a ritirare la squadra,male Anceloffio ad opporsi e a dare il fianco ai nostri montati e viziati giocatori..
Ora vengano puniti e paghino per la loro insubordinazione i giocatori ed Anceloffio per la sua codardia nel non aver saputo farsi rispettare.
Bisognerà resettare,mandare via le mele marce,ripartire daccapo con un nuovo allenator in grado di riportare in noi tifosi la voglia di tifare e sognare per la nostra squadra...
Si chiude una porta e si apre un portone,vai ADL sono con te!!
Torna all'inizio della Pagina

luigi2702
Utente Master


Prov.: Napoli
Città: Portici


11146 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 17:46:45  Mostra Profilo  Invia Email Invia a luigi2702 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Vorei solo chiarire un concetto, in quanto come avvocato sono abituato a discutere di responsabilita' e concetti affini, ma che possono risultare poco chiari se non dettagliati e spiegati bene nei presupposti e nei limiti QUando io parlo di responsabilita' mi riferisco alla responsabilità oggettiva o indiretta dell'amministratore di una società (in questo caso presidente) nei confronti degli atti compiuti da suoi dipendenti nei confronti di terzi. Quindi responsabilità non significa colpa diretta, in quanto anzi la societa' e per essa l'amministratore, è vittima di tale comportamento dei calciatori, in quanto la stessa societa'dovra' risarcire il danno prodotto come nel caso di un inserviente che maldestramente fa cadere un pacco in testa al cittadino che entra nellufficio informazioni (in questo caso, pero', il danno è autoindotto o, al limite, gli unici realmente danneggiati i tifosi) Quindi De Laurentis dovra' trovare il modo di risolvere il tutto (non so come e non sono io a doverlo indicare), pur non avendone colpa o avendone una piccola parte (magari poteva risolvere tutto con un po' di buon senso, trovando un compromesso ed evitando che reputazione, unita', condotte venissero sbandierate al mondo, sia pure dandosi un pizzicotto sulla pancia e riservandosi di punire i responsabili in un momento successivo - vendendoli al prossimo mercato ad es.- salvo improbabili vittorie di campionato e finale di champion.....
Sul fatto che i comportamenti dei privilegiati de quo siano estremamente deludenti e in un caso, quello di Insigne, tale condotta sia stata anche prevedibile, mi trova concorde. Ed è giusto lasciar perdere chaivi della citta' o altro nei confronti di chi oggi c'è e domani non si sa (Kpulibaly), essendo estremamente mutevole il mondo del calcio. Anzi, dissento ulteriormente sull'ipotesi paventata che se ci fosse stato Hamsik non sarebbe successo, in quanto anzi il buon Hamsik sarebbe stato scavalcato da tutto questo, non essendo lui mai stato un attaccabrighe nelo spogliatoio ed avendo subito le esclusioni ripetutte di Benitez, in modo estremamente professionale. Tra l'altro c'è da dire che il primo caso di ribellione a un ritiro da parte dei calciatori di A, è stato fatto da soggetti che nulla hanno e potranno avere in comune con i vari Giordano, Bagni, ecc....- Maradona si dissocio' da tale condotta - che comunque attacacrono l'allenatore e non certo la societa' in se' (e comunque non certo per un ritiro semipunitivo). I calciatori autori del gesto, sono senz'altro da condannare.
Riguardo all'allenatore ha certamente sbagliato a schierarsi con i giocatori, accettando il ritiro mal volentieri, ma adesso il comunicato della societa' rimette a lui la decisione lasciandone a li anche la responsabilita' delle conseguenze (è evidente che ci si riferisce ai risultati tecnici). Se la squadra' fallira', fallira' anche il suo allenatore, a prescindere da multe e riduzioni di stipendi in arrrivo. TUtto questo salvo che Ancelotti non is schieri con la società, avallandone in toto il ritiro , ma non credo.
A mio avviso anche ADL ha sbagliato nella sostanza, impartendo un ritiro che era punitivo e ercandolo nella forma di farlo passare per un ritiro costruttivo. Nel primo caso ha sicuramente creato risentimento ( ancorche' nessuna ribellione poteva essere giustificata) mentre , nel secondo, non ha reso ben chiari questi intendimenti ai calciatori e , comunque, ben poteva trovare un punto di compromesso in funzione della costruttivita' stessa e non della punibilita', se questo era il suo intento reale (che ne so, poteva dire "andate a casa dopo la partita e di nuovo in ritiro venerdi", tanto per dire).
Io non mi sento di salvare nessuno in pratica; delle tre parti a ognuno le proprie responsablita'.

Modificato da - luigi2702 in data 06/11/2019 17:58:34
Torna all'inizio della Pagina

Quaglia34
Utente Master




2487 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 19:00:49  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Io sto con Dario, Mario, e pensate un po, sto anche con il presidente che tante gliene abbiamo dette. Per me ha sbagliato il capopopolo *Insigne( con tutta l-accozzaglia che lo ha seguito. Una sola considerazione< questa [ gente che non far' mai bene nella loro vita.
Torna all'inizio della Pagina

Dario
Moderatore


Prov.: Napoli
Città: Pompei


3916 Messaggi

Inserito il - 06/11/2019 : 19:06:15  Mostra Profilo Invia a Dario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da luigi2702

Vorei solo chiarire un concetto, in quanto come avvocato sono abituato a discutere di responsabilita' e concetti affini, ma che possono risultare poco chiari se non dettagliati e spiegati bene nei presupposti e nei limiti QUando io parlo di responsabilita' mi riferisco alla responsabilità oggettiva o indiretta dell'amministratore di una società (in questo caso presidente) nei confronti degli atti compiuti da suoi dipendenti nei confronti di terzi. Quindi responsabilità non significa colpa diretta, in quanto anzi la societa' e per essa l'amministratore, è vittima di tale comportamento dei calciatori, in quanto la stessa societa'dovra' risarcire il danno prodotto come nel caso di un inserviente che maldestramente fa cadere un pacco in testa al cittadino che entra nellufficio informazioni (in questo caso, pero', il danno è autoindotto o, al limite, gli unici realmente danneggiati i tifosi) Quindi De Laurentis dovra' trovare il modo di risolvere il tutto (non so come e non sono io a doverlo indicare), pur non avendone colpa o avendone una piccola parte (magari poteva risolvere tutto con un po' di buon senso, trovando un compromesso ed evitando che reputazione, unita', condotte venissero sbandierate al mondo, sia pure dandosi un pizzicotto sulla pancia e riservandosi di punire i responsabili in un momento successivo - vendendoli al prossimo mercato ad es.- salvo improbabili vittorie di campionato e finale di champion.....
Sul fatto che i comportamenti dei privilegiati de quo siano estremamente deludenti e in un caso, quello di Insigne, tale condotta sia stata anche prevedibile, mi trova concorde. Ed è giusto lasciar perdere chaivi della citta' o altro nei confronti di chi oggi c'è e domani non si sa (Kpulibaly), essendo estremamente mutevole il mondo del calcio. Anzi, dissento ulteriormente sull'ipotesi paventata che se ci fosse stato Hamsik non sarebbe successo, in quanto anzi il buon Hamsik sarebbe stato scavalcato da tutto questo, non essendo lui mai stato un attaccabrighe nelo spogliatoio ed avendo subito le esclusioni ripetutte di Benitez, in modo estremamente professionale. Tra l'altro c'è da dire che il primo caso di ribellione a un ritiro da parte dei calciatori di A, è stato fatto da soggetti che nulla hanno e potranno avere in comune con i vari Giordano, Bagni, ecc....- Maradona si dissocio' da tale condotta - che comunque attacacrono l'allenatore e non certo la societa' in se' (e comunque non certo per un ritiro semipunitivo). I calciatori autori del gesto, sono senz'altro da condannare.
Riguardo all'allenatore ha certamente sbagliato a schierarsi con i giocatori, accettando il ritiro mal volentieri, ma adesso il comunicato della societa' rimette a lui la decisione lasciandone a li anche la responsabilita' delle conseguenze (è evidente che ci si riferisce ai risultati tecnici). Se la squadra' fallira', fallira' anche il suo allenatore, a prescindere da multe e riduzioni di stipendi in arrrivo. TUtto questo salvo che Ancelotti non is schieri con la società, avallandone in toto il ritiro , ma non credo.
A mio avviso anche ADL ha sbagliato nella sostanza, impartendo un ritiro che era punitivo e ercandolo nella forma di farlo passare per un ritiro costruttivo. Nel primo caso ha sicuramente creato risentimento ( ancorche' nessuna ribellione poteva essere giustificata) mentre , nel secondo, non ha reso ben chiari questi intendimenti ai calciatori e , comunque, ben poteva trovare un punto di compromesso in funzione della costruttivita' stessa e non della punibilita', se questo era il suo intento reale (che ne so, poteva dire "andate a casa dopo la partita e di nuovo in ritiro venerdi", tanto per dire).
Io non mi sento di salvare nessuno in pratica; delle tre parti a ognuno le proprie responsablita'.

Avvocà, grazie per le delucidazioni, davvero interessanti.

Torna all'inizio della Pagina

Mario
Utente Master


Prov.: Salerno
Città: Salerno


3389 Messaggi

Inserito il - 07/11/2019 : 11:18:19  Mostra Profilo Invia a Mario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Non so se avete letto i giornali stamane.

Mi pare che siamo alle comiche.

I calciatori che avrebbero detto ad Edo "i soldi te li metti nel culo" ma a fine mese con quei soldi si vanno a togliere gli sfizi extra lusso e ci campano la famiglia (ci camperanno anche i nipoti dei nipoti), altri che avrebbero dato a pugni nelle mura, Mertnes che va via per primo senza farsi la doccia.

Ma questi non stanno bene.

E poi ci sono i nuovi Meret, Elmas, Lozano che si sono trovati in mezzo al guado.

Mi spiace ma meglio uno sconosciuto con la faccia di cazzo quali Mazzarri e Sarri che un plurivincitore quale Ancelotti.

Purtroppo questi allenatori così pacifici quale Sir Carletto nel calcio moderno non possono trovarsi bene, la scostumatezza di questi ragazzi è ai livelli massimi, per sedarli ci vuole un generale che li appenda al muro.

Quindi mettiamoci l'anima in pace, questi quattro stronzi giocheranno a perdere, temo davvero per il prosieguo del campionato.
Torna all'inizio della Pagina

Quaglia34
Utente Master




2487 Messaggi

Inserito il - 07/11/2019 : 17:01:58  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

Si, ho letto anch-io la faccenda dei soldi. e stato allan. Io glieli farei mettere nella cosa sguarrata di sua sorella se la tiene. In-oltre io in tv ho sentito con le mie orecchie che il presidente aveva detto che il ritiro non era punitivo. Comunque staremo a vedere. tanto pi\ in fondo di cos=......
Torna all'inizio della Pagina

Dario
Moderatore


Prov.: Napoli
Città: Pompei


3916 Messaggi

Inserito il - 08/11/2019 : 00:45:00  Mostra Profilo Invia a Dario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
È gentaglia che ha fatto il suo tempo. Non sono scostumati, ma sono i classici perucchie sagliute, ovverosia la peggiore specie.
È stato Allan, come fatto notare dall'amico Quaglia, a dire al figlio di ADL, che dovrebbe essere un bravo ragazzo, quanto segue: - I soldi te li metti nel culo.-
È stato sua maestà(possente pernacchia) Insigne a dire: - Di' a tuo padre che in ritiro non ci andiamo.-
Il malumore nello spogliatoio, lo ripeto per l'ennesima volta, è opera di Insigne, che, in quanto capitano e napoletano, è il primo artefice di quanto accaduto. In un video su YouTube(https://www.youtube.com/watch?v=CSUMeDwIb-Q) si nota Meret che rifiuta di dare il cinque al malefico nanetto di Fratte. Bravo Meret! Spero che Ancelotti abbia il coraggio di lasciarlo in panchina fino a quando non lo venderanno, o lo regaleranno.
Mertens è stata la delusione più grande. Da oggi niente più Ciro, ma solo, se necessario, Mertens, uno dei tanti.

Torna all'inizio della Pagina

luigi2702
Utente Master


Prov.: Napoli
Città: Portici


11146 Messaggi

Inserito il - 08/11/2019 : 11:15:53  Mostra Profilo  Invia Email Invia a luigi2702 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
vorrei guardare la triste vicenda da un altro punto di vista. In pratica questo tipo di gestione padre padrone con il figlio a fare da tramite e un allenatore nabigato con il figlio a fare il vice, con questo tipo di soggetti , e sono molti, nel calcio, non funziona piu'. Le tensioni arrivano al limite, le esternazioni del presidente ingoiate ma a denti stretti ( a prescindere da quanto siano o meno giuste o giustificabili) , l'allenatore diventa un nemico, e quant'altro. Non esiste una figura di mediazione tra societa' e giocatori (che non sono tutti bravi ragazzi). Nel Napoli è stato chiesto di farlo ad Ancelotti ma non è andata per nulla bene. Sarebbe stato necessario, essendo Giuntoli dedito piu' al calcio mercato, un elemento di raccordo con il carattere ( non prprio con i principi morali diciamo..) di un Moggi senjior o quanot meno ocn la determinazoone e il carisma di un Marotta. QUesta figura di general manager, di direttore sportivo ( mi pare che si usi questo termine), lasciando la carica di direttore tecinco a Giuntoli per l mercato, manca assolutamente, come manca, in una societa' che vogila crescere e allungare le sue mire in Europa, un ex calciatore che faccia da tramite ( nella juventus c'è anche una spia spogliatoio, Buffon), facendo un esempio un Bruscolotti, uno grezzo, ma che dice pane al pane e vino a l vino. Edo De Laurentis un bravo ragazzo, tra l'altro alter ego del padre e null'altro, quindi come tale soggetto da attaccare che non puo' mai mediare nulla. Questo discorso esula dal giustificare alcunche per quanto accaduto ma vorrebbe porrre rimedio ai guai, che verificandosi man mano nel corso del tempo portano poi a rotture insanabili come queta, sia chiaro. La societa' strutturata con uno che comanda solo senza figure intermedie, come poteva essere Marino al suo tempo, destinate a scontrarsi con il presidente, non funziona bene e non puo' funzionare alla lunga, salvo che non hai 11 chirichetti...sotto. E , comunque, servono capacita' gestinali e di mediazione in questo ruolo che ADL non ha e non puo' avere, dato il carattere. Per fare un esempio, dire che i calciatori sono mercenari e non dovrebbero andare in Cina ( che vero) in pubblico, in un certo modo ( un po' volgare per usare un eufemismo) causa risentimento in certi soggetti, pu' o meno inclini al rancore, che stanno zitti ma covano risentimento dentro. Se ci fosse un soggetto ch epubblicament esternasse con maggiore diplomazia certi concetti, ma capace anche di impartire punizioni irreversibili ( com Marotta con Icardi) se del acso, i calciatori diventerebbero meno irresponsabili. Poi si faranno anche cento rifondazioni, ulizie, ecc.. ma il provlema restera', che magari non causera' cose del genere, ma gli ammutinamenti silenziosi, rispetto a quelli pubblici, costano sempre cari ( il calciotore senza voglia , che fomenta lo spogliatoio contro il tecnico, ecc..). Occorrono due uomini, uno esterno, pubbblico, che gestisca (comandando pero', non solo a parole com Edo DL) i rapporti, mediando, cosi' come un altro all'interno dello spogliatoio, che cerchi di prevenire i problemi sul nascere, scollegato da allenatore e dipendente solo della societa'. Ma non so se ADl sappia fare autocritica riguardo alal getione ( non certo ai fatti accaduti), altrimenti ci ritroveremo di nuovo tra qualche tempo, con conflitti minori, ma ugualmente dannosi in seno ad una squadra.
Ultima nota si Insigne; ho sempre sostenuto ch e il suo non è un problea di piedi, ma assolutamente di testa, di arretratezza culturale. E' lui stesso che crea i casini e lo fa anche sul campo. Se fosse dotato di un minimo di intelletto, giocherebbe molto meglio e righerebbe dritto, non causando problemi allinterno dello spogliatoio o nei confronti del pubblico. E questi atteggiamenti da pseudo divo, senza capacita' di dare spiegazioni intellettivamente valide, per incapacita' di comunicazione ad un certo livello o per ipossibilita' di giustificarsi, si pagano.

Modificato da - luigi2702 in data 08/11/2019 11:22:21
Torna all'inizio della Pagina

Dario
Moderatore


Prov.: Napoli
Città: Pompei


3916 Messaggi

Inserito il - 08/11/2019 : 18:30:10  Mostra Profilo Invia a Dario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bene, ora che si è chiarito che la squadra ha sbagliato nel prendere la sciagurata decisione che ha preso, cerchiamo di capire quali colpe abbia ADL. Secondo me ne ha molte. A questo punto e da buon padre di famiglia, dovrebbe gettare acqua sul fuoco, invece, com'è purtroppo nel suo carattere vendicativo e rancoroso, lo alimenta. L'allenamento di ieri, tanto per fare un esempio, era meglio se fosse stato revocato. Invece no! Ha preferito dare i giocatori in pasto ai tifosi. Cosa ne ha guadagnato? Niente! Ogniqualvolta qualcuno lascia il Napoli, se ne va, nel 99% dei casi, sbattendo la porta. È capitato con Mazzarri, Cavani, Higuain, Lavezzi, Sarri e molto probabilmente con Ancelotti e chi andrà via. Ogniqualvolta rilascia un'intervista, cosa che purtroppo fa spesso, spande guai a destra e a manca. Non può, per fare un altro esempio, chiamare marchettari(bassa volgarità che gli si addice) Mertens e Callejon solo perché sono attratti dalla Cina e sono in scadenza di contratto. Non può redarguire Insigne in quel modo. Avrebbe dovuto farlo in privato, e in entrambi i casi. Non può dire, come accaduto a Dimaro, che non ha bisogno di tifosi per poi piangere quando gli spalti sono vuoti. Non può continuare con la storiella del fallimento o del fatto che non c'erano neanche i palloni, quando sa perfettamente che, grazie ai suoi amici Carraro e Petrucci, rilevando il Napoli ha fatto il vero affare della sua vita. Non può, ai giorni d'oggi, avere una società con un solo vertice, lui e basta. Non può vincere due campionati d'inverno, rimanendo fermo sul mercato di gennaio e perdendoli puntualmente in primavera. Non può continuare con le sceneggiate di Soriano, Politano, Pepé, Icardi. James e quant'altro. Potrei ancora continuare, ma mi fermo perché non ne vale la pena.
Per finire e a mente fredda. La squadra ha sbagliato e non ci sono dubbi, ma il cosiddetto presidentissimo, come al solito, nom è esente da colpe, anzi.
Aurè, ca nisciuno è fesso!

Torna all'inizio della Pagina

Quaglia34
Utente Master




2487 Messaggi

Inserito il - 09/11/2019 : 15:03:31  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

Caro Dario dobbiamo vedere ancora l-epilogo di questa storia, anzi l-inizio. Sai, avvocati, interessi, contratti, e altra roba. Per; questa volta non sono in sintonia con te. Hai ricordato la storia del fallimento, i palloni che non c-erano ecc... In questa storia dell-ammunitamento non centra niente. A mio modesto parere il capopopolo insigne co tutta la ciurma ha sbagliato, come hai ricordato anche tu alla fine, e tanto basta e avanza. Io per carattere non posso vedere le cose storte, e non dico che sono rancoroso se vedo che chi ha sbagliato tende la mano. Ma dopo la frase dei soldi, senti anche il capopopolo dire al figlio del presidente *non andiamo in ritiro* allora quale acqua deve gettare il presidente-
Torna all'inizio della Pagina

Dario
Moderatore


Prov.: Napoli
Città: Pompei


3916 Messaggi

Inserito il - 09/11/2019 : 15:57:00  Mostra Profilo Invia a Dario un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Quaglia34


Caro Dario dobbiamo vedere ancora l-epilogo di questa storia, anzi l-inizio. Sai, avvocati, interessi, contratti, e altra roba. Per; questa volta non sono in sintonia con te. Hai ricordato la storia del fallimento, i palloni che non c-erano ecc... In questa storia dell-ammunitamento non centra niente. A mio modesto parere il capopopolo insigne co tutta la ciurma ha sbagliato, come hai ricordato anche tu alla fine, e tanto basta e avanza. Io per carattere non posso vedere le cose storte, e non dico che sono rancoroso se vedo che chi ha sbagliato tende la mano. Ma dopo la frase dei soldi, senti anche il capopopolo dire al figlio del presidente *non andiamo in ritiro* allora quale acqua deve gettare il presidente-

amico mio, i calciatori hanno sbagliato, e su questo non ci piove. Insigne, in quanto capitano e napoletano, dell'ammutinamento è il principale responsabile, e su questo non ci piove. Che ADL abbia le sue responsabilità, mi pare che anche su questo non ci piova.
La migliore cosa per risolvere la situazione? A parer mio, che tutti facciano un passo indietro. A fine anno, se necessario, ognuno per la sua strada e amici come prima. Sarà difficile, ma è l'unica strada.

Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
SoloNapoli © Italiacom Srl Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,29 secondi. | Snitz Forums 2000