SoloNapoli
 HOME | CRONACA | INTERVISTE | MERCATO | VIDEO | FOTO | STAGIONE | FORUM  
Cerca in:
Google SoloNapoli
Interviste
Ancelotti: "A Napoli sto da Dio"

Interviste     18 Ottobre 2018     Fonte: Corriere dello Sport

"Le sconfitte ce le sentiamo addosso ogni volta, ma la vita è piena di problemi molto più gravi di una partita di calcio"


Ancelotti: "A Napoli sto da Dio" Tra calcio e filosofia di vita. Carlo Ancelotti ha riavvolto il nastro della sua carriera in occasione della presentazione a Napoli del libro di Alessandro Alciato «Demoni». «Qui a Napoli sto benissimo, non ho nessun "demone", sto da Dio - ha spiegato l'allenatore azzurro -. Il mio segreto per il successo? Ho tanta voglia di allenare, faccio quello che mi piace e ho una passione costante; in un gruppo è importante coinvolgere tutto lo staff nel proprio lavoro, perché questo migliora la qualità di tutti i rapporti umani e lavorativi. Quando il mio livello di stress sarà troppo elevato allora smetterò».

FILOSOFIA - «Nella vita e nel calcio le sconfitte dobbiamo considerarle opportunità per crescere - ha continuato -. Non è facile, ma è la strada giusta. Nella mia carriera da calciatore ci son stati momenti di difficoltà quando arrivava un infortunio. Ma non mi sono mai fermato troppo a pensare, ero giovane e incosciente, tutto mi ha aiutato a crescere. Le sconfitte ce le sentiamo addosso ogni volta, ma la vita è piena di problemi molto più gravi di una partita di calcio».

PIPPO E SHEVA - Ancelotti poi ha parlato anche di come si gestisce il gruppo: «Shevchenko ed Inzaghi? Hanno giocato tante partite assieme, sono due attaccanti forti ma molto diversi caratterialmente: Sheva parlava di meno per i problemi con la lingua, quindi guardava le cose piuttosto che sentirle da me. Demoni? Per un allenatore lo può essere il calciatore egoista, poco professionale, ma adesso è abbastanza professionale, molto di più di quando giocavo io. Comunque è importante saper gestire lo stress: è una cosa che ci accomuna tutti, ma se lo sappiamo riutilizzare può diventare energia».

IBRA E KALADZE - Non poteva mancare una considerazione su Ibrahimovic: «L'immagine che dà di sé è completamente diversa da quella che regala nello spogliatoio. La vicenda vissuta da Kaladze è stata per noi molto particolare in quegli anni al Milan, ci ha mostrato sempre molta dignità e dal punto di vista professionale è stato perfetto. Quando venne fuori la notizia della morte del fratello c'era una gara importante per gli Ottavi di Champions contro il Bayern Monaco, noi pensavamo che la persona venisse prima del calciatore ma lui non ebbe dubbi e scelse di restare con noi».

Notizie Correlate
Genny Savastano, una giornata a Castel Volturno
Cronaca     17 Maggio 2019 
L´attore Salvatore Esposito non ha mai nascosto sui social e nelle interviste il suo grande tifo per gli azzurri
Il Napoli si è ritrovato per la cena di fine stagione
Cronaca     16 Maggio 2019 
In un noto locale del Vomero per brindare e festeggiare il 2° posto che vale un posto per la prossima Champions
Milik: "Possiamo ancora crescere"
Interviste     10 Maggio 2019 
"n campionato abbiamo raggiunto il secondo posto, ma il nostro obiettivo non era questo. Vogliamo prepararci meglio per il prossimo anno"
Milik: "Possiamo ancora crescere"
Albiol: "Stagione positiva"
Interviste     9 Maggio 2019 
"Con Ancelotti possiamo arrivare ancora più in alto. La società lavora per essere competitiva"
Albiol: "Stagione positiva"
I tifosi della curva A a Castel Volturno
Cronaca     3 Maggio 2019 
In pratica, s’è saputo che la maglietta di Callejon rifiutata è stato soltanto un momento di forte polemica contro i vertici della società
Luperto e Younes, il futuro del Napoli
Cronaca     1 Maggio 2019 
Due giocatori che rientrano nei piani prospettici di Carlo Ancelotti ma che al tempo stesso costituirebbero delle ottime plusvalenze se fossero venduti
Luperto e Younes, il futuro del Napoli
Ancelotti jr: "Siamo a Napoli per vincere"
Interviste     25 Aprile 2019 
"Non è che questo momento poco felice che cambia i nostri programmi o le nostre sensazioni"
Ancelotti jr: "Siamo a Napoli per vincere"
Ancelotti premiato a Roma
Interviste     25 Marzo 2019 
"Il progetto a Napoli c’è. La società ha preso una squadra fallita e ora è stabilmente in Champions e non ha debiti"
Ancelotti premiato a Roma
De Laurentiis: "Bilancio positivo"
Interviste     24 Marzo 2019 
"Grazie ad Ancelotti, abbiamo sperimentato le potenzialità di tutti i giocatori che avevamo a disposizione"
De Laurentiis: "Bilancio positivo"
Callejon: "Non dobbiamo mollare"
Interviste     23 Marzo 2019 
"La Juve con Cristiano Ronaldo è migliorata ancora di più ma siamo una grande squadra anche noi"
Callejon: "Non dobbiamo mollare"
Commenti  
 Google Alert
I Google Alert vengono in-
viati via e-mail per segna-
lare i nuovi articoli pubbli-
cati su SoloNapoli.com
Frequenza:
E-mail:
 Free E-mail
Username:
Password:
 Newsletter
Le news sul Napoli
nella tua mailbox
Tua e-mail:
© SoloNapoli - Credits - Seconda Mano