SoloNapoli
 HOME | CRONACA | INTERVISTE | MERCATO | VIDEO | FOTO | STAGIONE | FORUM  
Cerca in:
Google SoloNapoli
Interviste
Ancelotti: "Nel calcio non c'è una sola verità"

Interviste     24 Dicembre 2018     Fonte: Calciomercato

"Koulibaly è il mio insostituibile, non lo posso negare. E' un fuoriclasse, faccio fatica a fare meno di lui"


Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli, rilascia una lunga intervista al Corriere della Sera, nella quale parte dal suo ritorno in Italia: "L'Italia è bellissima, il Paese più bello del mondo. Poi c'è chi vive meglio e chi peggio ed è un po' più arrabbiato, ma tempo fa sentivo un discorso di Farinetti: ha detto che noi abbiamo la fortuna di essere nati in Italia. Concordo".

SULLA JUVE - "Dominio Juve problema per il movimento? Direi di noi, non abbassa la passione degli altri tifosi per la propria squadra, anzi. Vedo segnali di crescita del nostro calcio, in campionato c'è una buona qualità di gioco; la Nazionale ha inserito giovani interessanti; c'è un nuovo presidente della Federazione con idee chiare. Il movimento è destinato a crescere. Certo, se ci fosse un incentivo a fare stadio nuovi e a migliorare la cultura dentro...".

ALLENATORI DA STUDIARE - "Uno che conosco poco, direi Klopp o Pochettino, perché Allegri, Simeone, Spalletti e Guardiola so già come lavorano. E' sempre interessante vedere come un allenatore si comporta, ma copiare è impossibile. Eppure c'è chi non fa vedere gli allenamenti".

SU SARRI - "Qua c'era una squadra che aveva un'identità ben precisa, noi cerchiamo di averla un po' più versatile. I campionati li ha vinti chi ha giocato a uomo, chi ha fatto possesso palla, chi ha fatto il contropiede, chi non faceva ritiro, chi lo faceva... Non c'è una sola verità. Non c'è un'Università del calcio, non è che prendi la laurea".

SULLA CHAMPIONS - "Se direi ancora 'siamo dei coglioni se usciamo dalla Champions'? Ma io intendevo: saremmo coglioni a uscire per un mancato risultato contro la Stella Rossa. Invece siamo stati in ballo fino all'ultimo contro una squadra, il Liverpool, candidata a vincere la coppa. Come il PSG, il Barcellona e la Juve, che però ha un ostacolo difficile nell'Atletico Madrid. Il Real senza Ronaldo invece è meno competitivo".

SU GATTUSO - "Lui è molto coinvolto, all'inizio è così: hai meno certezze, ti fidi poco degli altri, cerchi di fare tutto tu. Poi capisci che è fondamentale dedicare un po' di tempo a te stesso. Quando ho iniziato stavo 24 ore al giorno sul pezzo, era il '96 e ho detto: nel 2000 smetto. Siamo nel 2018...".

SULLE MILANESI - "Le vicende societarie hanno inciso. Ora sembra che l'Inter sia sistemata, c'è un progetto chiaro. Il Milan è più in via di definizione: il fondo Elliott in 5 anni cercherà di portare il club ad alto livello e poi arriverà un altro proprietario".

SU UN RITORNO AL MILAN - "Se sono stato vicino al ritorno? Due volte. Quando sono andato via dal Real Galliani è venuto a caccia a Madrid, ma dovevo riprendermi da un problema alla cervicale. E poi un'altra volta con Fassone c'è stato un mezzo tentativo, dopo il Bayern".

SU KOULIBALY - "E' il mio insostituibile, non lo posso negare. E' un fuoriclasse, faccio più fatica a fare meno di lui. Il turnover motiva più i giocatori e allontana gli infortuni".

SULLA MOTIVAZIONE - "Io credo che ognuno di noi deve motivarsi non attraverso il confronto con gli altri, ma con il confronto con se stesso. Se tu hai come obiettivo diventare Messi, be' il tuo percorso è influenzato dalla genetica. Invece ogni giorno puoi allenarti per essere migliore. Vale anche per la squadra: se dico impegniamoci per battere la Juve è un obiettivo troppo lontano...".

Notizie Correlate
Ancelotti incontra il capitano del Gruppo Sportivo Paralimpico
Cronaca     6 Dicembre 2018 
Il Ten. Col. Paglia, Medaglia d’Oro al Valor Militare lo ha ringraziato per essere stato testimonial, insieme ai giocatori, della campagna di comunicazione Fly the Flag
Ancelotti si racconta a Diletta Leotta
Interviste     8 Novembre 2018 
Il tecnico degli azzurri in un’intervista rilasciata a Dazn svela: “Ho convinto Hamsik con il cambio di ruolo”
Ancelotti si racconta a Diletta Leotta
Ancelotti incontra Sacchi e Guardiola
Interviste     14 Ottobre 2018 
Nel corso del Festival dello Sport di Trento. Il tecnico azzurro: "A Napoli ci sono tutte le condizioni per fare un bel lavoro"
Ancelotti incontra Sacchi e Guardiola
Ancelotti in visita agli scavi di Pompei
Cronaca     10 Ottobre 2018 
Il tecnico azzurro è stato accolto dalle guide e dai custodi delle rovine della città antica
Prandelli: "Ancelotti è una sicurezza"
Interviste     20 Luglio 2018 
"Solo uno come De Laurentiis poteva pensare a Carlo, la sua è stata una vera genialata"
Prandelli: "Ancelotti è una sicurezza"
Week-end a Capri per DeLa e Ancelotti
Cronaca     8 Luglio 2018 
in totale relax alla vigilia del primo atto della stagione, il raduno prima della partenza per Dimaro
Week-end a Capri per DeLa e Ancelotti
Ancelotti: "Ho rifiutato l'Italia per il Napoli"
Interviste     16 Giugno 2018 
"Un giorno mi piacerebbe allenare una nazionale ma per ora preferisco seguire un club"
Ancelotti: "Ho rifiutato l
Ancelotti: "Ripartirò dal lavoro di Sarri"
Interviste     11 Giugno 2018 
"Questa squadra ha fatto davvero bene negli ultimi due anni. Mi aspetto di fare del mio meglio, come sempre"
Ancelotti: "Ripartirò dal lavoro di Sarri"
Ancelotti, primo compleanno da allenatore del Napoli
Cronaca     10 Giugno 2018 
Il presidente, Aurelio De Laurentiis, ha twittato i suoi auguri al tecnico che ha compiuto 59 anni
Ancelotti, primo compleanno da allenatore del Napoli
Hamsik e Mertens convinti da Ancelotti
Cronaca     30 Maggio 2018 
Il capitano: "Sarebbe un onore giocare con lui". Il folletto belga: " Mi piacerebbe lavorare con lui"
Hamsik e Mertens convinti da Ancelotti
Commenti  
 Google Alert
I Google Alert vengono in-
viati via e-mail per segna-
lare i nuovi articoli pubbli-
cati su SoloNapoli.com
Frequenza:
E-mail:
 Free E-mail
Username:
Password:
 Newsletter
Le news sul Napoli
nella tua mailbox
Tua e-mail:
© SoloNapoli - Credits - Disclaimer