SoloNapoli
 HOME | CRONACA | INTERVISTE | MERCATO | VIDEO | FOTO | STAGIONE | FORUM  
Cerca in:
Google SoloNapoli
Cronaca
28 anni fa il primo scudetto

Cronaca     10 Maggio 2015     Fonte: Per Sempre Napoli

Il 10 maggio 1987 Napoli divenne azzurra, nel senso più completo della parola. Non c'era strada in cui non ci fosse uno striscione a salutare l'evento


28 anni fa il primo scudetto “La storia ha voluto una data: 10 maggio 1987”. L'enorme striscione copriva tutto l'anello della Curva B, ed è diventato una delle foto della festa. E dire che era solo una minima parte della scenografia del San Paolo quel giorno. I due enormi bandieroni che coprirono le due curve al momento dell'entrata in campo delle due squadre rappresentano ancora oggi una delle coreografie più belle mai create per uno stadio di calcio. Oggi forse si vede anche qualcosa di più spettacolare, ma se pensiamo che stiamo parlando di 28 anni fa eravamo nella fantascienza. Ed è questa un'altra immagine passata alla storia. Perché il presidente Ferlaino che evidentemente era stato avvisato per tempo, volle immortalare la scena dal'altro, con fotografie da un aereo. Ne nacque un manifesto bellissimo che per giorni è stato sui muri di tutta la città: “Grazie al pubblico campione d'Italia”.

Tutto quel giorno a Napoli fu straordinario. Anzi, tutto in quei giorni a Napoli fu straordinario. Una festa esplosa al gol di Carnevale a Como, la settimana prima. Se fino a quel momento la scaramanzia l'aveva fatta da padrone, dopo furono rotti tutti gli indugi. E Napoli divenne azzurra, nel senso più completo della parola. Non c'era strada in cui non ci fosse uno striscione a salutare l'evento, non c'era balcone in cui non ci fosse una bandiera azzurra ed un tricolore affiancati.

La mattina del dieci maggio Napoli si svegliò all'alba. O per meglio dire non era mai andata a dormire la sera prima. Alle dieci erano almeno in ventimila in fila per entrare allo stadio. A mezzogiorno sulle gradinate del San Paolo non c'era spazio neanche per uno spillo. E la partita era alle quattro. La cosa impressionante era il rumore. Non c'era tifoso allo stadio che non avesse con se almeno una trombetta acustica di quelle che si utilizzano per le segnalazioni in mare. Ora si sa che il rumore di una sola trombetta del genere è assordante, ed insopportabile se non si è dell'umore giusto. Il problema è che di quelle trombette allo stadio ce ne erano30.40, forse 50mila. E di tanto in tanto qualche buontempone spargeva la voce che c'era un collegamento televisivo ed a quel punto il riflesso condizionato era quello di utilizzarle tutti insieme. Chi non c'era non potrà mai capire, chi c'era non potrà mai dimenticare.

Diciamo che la cosa meno emozionante fu la partita. Il gol di Carnevale, il pareggio di Baggio (il primo in A di quello che diventerà il “Codin Divino”, anche questo un segno del destino). Al Napoli serviva la vittoria per essere sicuro dello scudetto, ma l'Inter nel frattempo perdeva a Bergamo. Gli ultimi minuti furono surreali. La partita dei nerazzurri finì prima, il Napoli era matematicamente campione anche in caso di sconfitta. La festa potè iniziare.

Una festa che sul campo (non ci fu una sola persona che fece invasione!) durò più di un'ora, nelle strade della città almeno una settimana. E Napoli non volle dimenticare proprio nessuno. Una gioia attesa 60 anni era anche per quelli che non avevano avuto la fortuna di viverla. Fuori al cimitero di Poggioreale spuntò uno striscione: “Anche per voi che non ci siete più il Napoli è Campione d'Italia”. Avevano mancato il giorno voluto dalla storia, ma la storia non si era dimenticato di loro.

Notizie Correlate
A Brusciano la terza edizione della partita del Cuore
Cronaca     16 Giugno 2017 
Una kermesse tra calcio e spettacolo che ha la “mission” di raccogliere fondi per l´acquisto di materiale didattico per studenti diversamente abili
De Magistris: "Maradona a Napoli il 4 luglio"
Interviste     31 Maggio 2017 
"Per la festa allo stadio San Paolo, a 30 anni dal primo scudetto. Diego riceverà la cittadinanza onoraria"
De Magistris: "Maradona a Napoli il 4 luglio"
Bruscolotti a Portici per ricordare il primo scudetto
Cronaca     16 Maggio 2017 
Sollecitato dalle domande dei giornalisti Ciccio Marolda, Liberato Ferrara e Sergio Curcio, ha aperto volentieri il libro dei ricordi
Campioni 1987 lasciati fuori dal San Paolo, due versioni
Cronaca     10 Maggio 2017 
Due comunicati contrastanti sulla vicenda: Comune e Calcio Napoli si rimbalzano la responsabilità
Bruscolotti:"De Laurentiis si vergogni"
Interviste     10 Maggio 2017 
A Fuorigrotta le porte del San Paolo si sono sbarrate dinanzi ai protagonisti del primo scudetto
Bruscolotti:"De Laurentiis si vergogni"
A 30 anni dal primo scudetto
Cronaca     10 Maggio 2017 
Il 10 maggio 1987 il Napoli si laureò campione d´Italia con una giornata di anticipo, pareggiando 1-1 al San Paolo con la Fiorentina
A 30 anni dal primo scudetto
Ferlaino: "Che emozione quel 10 maggio"
Interviste     10 Maggio 2017 
"Bisogna lottare per vincere di nuovo lo scudetto e questo Napoli può farcela con un paio di innesti di alto livello"
Ferlaino: "Che emozione quel 10 maggio"
Amichevole per il trentennale del primo scudetto
Cronaca     8 Maggio 2017 
All´incontro, in programma tra il 2 e il 7 luglio, è stato invitato, naturalmente, anche Diego Armando Maradona
Bruscolotti: "Ecco cosa successe quel 10 maggio"
Interviste     10 Maggio 2015 
"A Napoli generazioni di giocatori e di tifosi avevano sognato questo momento, e non c’era mai stato"
Bruscolotti: "Ecco cosa successe quel 10 maggio"
Commenti  
 Google Alert
I Google Alert vengono in-
viati via e-mail per segna-
lare i nuovi articoli pubbli-
cati su SoloNapoli.com
Frequenza:
E-mail:
 Free E-mail
Username:
Password:
 Newsletter
Le news sul Napoli
nella tua mailbox
Tua e-mail:
© SoloNapoli - Credits - Disclaimer