SoloNapoli
 HOME | CRONACA | INTERVISTE | MERCATO | VIDEO | FOTO | STAGIONE | FORUM  
Cerca in:
Google SoloNapoli
Interviste
Insigne: "È l'anno del Napoli"

Interviste     22 Dicembre 2017     Fonte: Gazzetta dello Sport

"Higuain? Invia messaggini ad alcuni di noi prima di Napoli-Juve e poi ci esulta in faccia? Una mancanza di rispetto"


Insigne: "È l Talento e qualità, quanto basta per non essere uno tra i tanti. Lorenzo Insigne ne ha in abbondanza, al punto da essere considerato il miglior talento italiano del momento. Quella classe che gli ha permesso di aggiudicarsi «La perla rosa», il premio messo in palio dalla Gazzetta, che viene assegnato al calciatore che ha sommato più giocate di qualità nel corso del campionato. In quello 2016-17, Lorenzo ha primeggiato conquistando 20 punti in totale. Qualità e spettacolo puro, allora, anche se Allegri preferisce la concretezza al bello stile. «Mi pare che lui di qualità ne abbia abbastanza, perché senza è difficile rimanere ad alti livelli per così tanto tempo. Ma rispetto il suo pensiero. Lui è bravo a far esprimere quantità a chi ha più qualità, ma questo ce lo chiede pure Sarri: i primi difensori siamo noi attaccanti».

Da ragazzo di provincia a campione affermato: com'è cambiata la sua vita? «Poco, abito ancora a Frattamaggiore e sto con famiglia e amici. So che i giocatori fanno una vita diversa, ma io sono bravo a non cambiarla del tutto restando vicino ai miei cari, che mi hanno reso ciò che sono».

Nei suoi sogni di bambino ha mai immaginato ciò che è oggi la sua realtà? «Si, ho sempre pensato di diventare un calciatore e di giocare al San Paolo con il Napoli. Sono fiero di questo perché ho fatto tanti sacrifici insieme alla mia famiglia e questo è un motivo d'orgoglio per me e i miei genitori, che non mi hanno fatto mancare nulla, nemmeno nei momenti di difficoltà».

Ci racconti l'Insigne casalingo… «Mia moglie, Jenny, dice che sono molto pantofolaio. A me piace guardare le partite sul divano con lei e i nostri due figli, Carmine e Christian. Il più piccolo frequenta una scuola calcio, l'ho accompagnato qualche volta, c'è stata un po' di confusione per i genitori e i bambini che mi chiedevano foto. Ero emozionato perché era la prima gara di mio figlio: la sera prima mi ha detto, papà devo andare a letto presto, perché domani ho la partita. Sapete quanti anni ha? Quattro e mezzo! E già ragiona così».

Qualche giocatore passato per Napoli ha detto che la città opprime, la gente è ossessiva: è così? «Sono napoletano, e noi napoletani siamo molto affezionati ai giocatori. Io la vivo nel miglior modo possibile, sono spesso in centro e mi presto alle foto, perché è giusto che gli idoli siano vicini, noi calciatori dobbiamo essere orgogliosi di questo affetto».

A proposito di Napoli, alla Gazzetta Balotelli ha dichiarato che verrebbe volentieri a giocare qui. Con la città ha un rapporto particolare, sua figlia Pia è napoletana e gli parla in dialetto. «No, no, a casa mia, i bambini parlano in italiano, anche se ogni tanto qualche parolina in dialetto ci scappa. Sono cresciuto dove si parlava solo in dialetto, ma i miei hanno sempre voluto mettermi sulla strada giusta. Ogni tanto ai miei bimbi gliela perdono qualche parolina in napoletano, non volgare. Balotelli ha le potenzialità per essere un grande, sembra vecchio, ma ha 27 anni. Deve solo capire che è forte e spero che se ne renda conto prima che smetta di giocare».

Lo sa che lei è l'immagine positiva di Napoli nel mondo? Una icona sacra per chi vive di calcio. «Giocare a Napoli da napoletano non è facile. Ci sto riuscendo e spero di farlo ancora per molto, che poi si parli di me anche lontano da Napoli ne sono orgoglioso, vuol dire che sto lasciando qualcosa di buono a chi mi sta intorno. E' importante non smettere di sognare e lo ripeterò sempre, io ce l'ho fatta vivendo mille difficoltà e ce la possono fare tutti».

A Marassi, lei mandò a quel paese i tifosi della Sampdoria che insultavano Napoli. Cori che stanno diventando prassi in ogni stadio d'Italia: come si può agire per farla finita? «Le soluzioni non dobbiamo trovarle noi calciatori, ci sono le istituzioni per queste cose. Lega e Federazione dovrebbero prendere provvedimenti, perché è discriminazione così come il razzismo. Quel coro “Vesuvio lavali col fuoco” davvero non si può sentire».

Dietro il campione Insigne ci sono tanti sacrifici… «E ne faccio ancora molti. Mercoledì, sono stato nel rione Sanità, in un istituto per ragazzi difficili e l'ho detto pure a loro: i sacrifici vanno fatti, e una volta arrivati all'obiettivo bisogna continuare».

Di sacrifici ne ha mai parlato col sua amico Cassano? Lui è stato più sregolatezza che genio: condivide? «Antonio è un bravissimo ragazzo, bisogna saperlo prendere, ha un carattere particolare, anche lui è cresciuto in situazioni particolari. Ha preso strade diverse e a me dispiace, se avesse avuto la testa a posto avrebbe potuto vincere il Pallone d'Oro nei suoi primi anni, quando non c'erano Messi e Cristiano Ronaldo».

Il Napoli in testa alla classifica: crede che questo sia l'anno buono per vincere lo scudetto? «Penso proprio di sì, ne siamo consapevoli. Gli altri anni andavamo in campo pensando che quella partita l'avremmo pure potuta pareggiare o perdere».

Arrivare in fondo in Europa League potrebbe cancellare la delusione per l'eliminazione dalla Champions? «Ho sentito dire che avremmo scelto di uscire dalla Champions per pensare al campionato, ma non è così. Speravo di andare avanti in Champions, abbiamo compromesso tutto nella prima partita con lo Shakhtar, perché l'abbiamo sottovalutato, lo ammetto. Ora abbiamo un'altra competizione, proveremo a vincerla: è un trofeo importante».

Mazzarri, Benitez, Sarri, i tre allenatori avuti finora: che cosa le hanno dato? «Con Mazzarri ero piccolo, era il primo anno di A e ho giocato poco. Mi disse che dovevo giocarmi una chance in ritiro con Vargas. Mi sono sempre guadagnato tutto con le mie forze, gli dissi di scegliere liberamente e che avrei lavorato duro. Ho conquistato la sua fiducia, anche se ho giocato poco e in un ruolo che non ho mai fatto, giocavo seconda punta. Con Benitez ho fatto l'esterno, anche se con un altro modulo, ho accettato perché era giusto seguire un allenatore con la sua esperienza. Facevo tutta la fascia e questo mi ha aiutato a interpretare pure la fase difensiva. Sarri mi chiese di fare il trequartista, all'inizio i risultati furono negativi e si passò al 4-3-3, il modulo che preferisco, che facevo con Zeman. I movimenti sono diversi, mi vengono naturali».

E' esagerato dire che lei è la continuazione di Pirlo, Del Piero e Totti? «Sono orgoglioso di essere accostato a questi grandi campioni che hanno fatto la storia del calcio italiano. Io continuerò su questa strada che penso sia quella giusta, a 26 anni si può sempre migliorare. Spero di rimanere su questi livelli per tanto tempo per arrivare in alto con il Napoli e la Nazionale».

A proposito di Nazionale, pare che Gian Piero Ventura voglia invitarla a cena? Accetterebbe, eventualmente? «E perché no? Ci andrei, certo. Le 2 gare con la Svezia le hanno giocate grandi giocatori, tutti abbiamo accettato le sue scelte, ci siamo fidati. Dispiace di più che l'Italia non sia andata al Mondiale. Col mister dopo ci siamo salutati: lui che sceglieva e io ho sempre obbedito».

Cosa si aspetta dalla Nazionale del futuro? «Spero che ci siano momenti migliori anche per me e che scelgano bene il c.t. in modo che l'Italia si rialzi più forte di prima. Potrei giocare il Mondiale 2022 a 31 anni, può essere l'età giusta per vincerlo. Ma ora ripartiamo da zero, con un uomo che possa far bene alla Nazionale, con l'Europeo in mezzo, cercando di vincerlo».

Nella scorsa estate ha rinnovato fino al 2022: vuol dire Napoli per sempre? «Per ora sto bene qui e spero di rimanerci più a lungo possibile. Il presidente, poi, sappiamo com'è, magari domani si sveglia e vuole vendermi (ride). A parte tutto, io vivo il momento. Poi, la vita del calciatore si sa com'è, è corta. In genere si decide sempre in due, comunque».

Sia sincero: cosa ha pensato quando ha visto Higuain esultare al S. Paolo? Lei gli si è avvicinato, urlando qualcosa. Cosa? «Non posso dirlo, gli ho detto qualche parolina in dialetto, mi ha capito. Mi è dispiaciuto: è stato 3 anni qua, al di là della scelta che poi ha fatto e non aggiungo altro. Ha fatto gol a Torino e non ha esultato, così come a Napoli. Invece, quest'anno l'ha fatto. Avrebbe dovuto avere un minimo di rispetto per noi ex compagni, dice di essere nostro amico, invia messaggini ad alcuni di noi alla vigilia e poi ci esulta in faccia? E' stata una mancanza di rispetto».

Il suo amico, Donnarumma, non vive un momento sereno: che gli succede? «L'ho sentito dopo la contestazione, era dispiaciuto perché è sempre stato tifoso del Milan. E' strano che abbia rinnovato e, poi, fatto tutto quel casino. Ma vi garantisco che è un bravo ragazzo e spero che tutto si risolva nel miglior modo per lui e la famiglia».

Il Napoli è a un passo dal titolo di campione d'inverno: in genere chi gira in testa poi ci rimane. «Preferisco essere campione in primavera… Due anni fa girammo primi, ma poi lo scudetto lo vinse la Juve. Quest'anno sarà dura per tutti, Inter e Roma sono al nostro livello, ci divertiremo».

Notizie Correlate
De Laurentiis: "Vinto il vero scudetto"
Interviste     20 Maggio 2018 
"Cosa potevo fare di più? Mica potevo andare a rubare! Se Sarri resta? Dovete chiederlo a lui"
De Laurentiis: "Vinto il vero scudetto"
I tifosi della Juve festeggiano con la bara di Insigne
Cronaca     20 Maggio 2018 
E Douglas Costa ha raccolto immagini con il telefonino
Allan: "Meritavamo lo scudetto"
Interviste     19 Maggio 2018 
"Ma non finisce qui, ho ancora 5 anni di contratto e darò tutto me stesso per far felice questa gente"
Allan: "Meritavamo lo scudetto"
Allegri: "Il Napoli non ci rispetta"
Interviste     18 Maggio 2018 
"Non si può mettere in discussione una squadra che vince per quattro anni consecutivi campionato e Coppa Italia"
A cena la pace regna sovrana
Cronaca     18 Maggio 2018 
Tra presidente e tecnico la tensione è alle spalle: clima disteso e volti sorridenti. In attesa della risposta definitiva per il futuro
A cena la pace regna sovrana
Tonelli: "Sconfitti ma non vinti"
Interviste     15 Maggio 2018 
Dura replica ai giocatori della Juve che, subito dopo la conquista del settimo scudetto consecutivo, sono passati all´attacco
Tonelli: "Sconfitti ma non vinti"
Allegri: "È stata un'annata dura, onore al Napoli"
Interviste     13 Maggio 2018 
"Facciamo i complimenti alla squadra di Sarri, che ha fatto un grande campionato e ha lottato fino alla fine"
Allegri: "È stata un
Barzagli: "Il Napoli ha fatto un grandissimo campionato"
Interviste     13 Maggio 2018 
"Ma poi alla fine vince solo una squadra. Forse meritavamo tutti e due la vittoria"
Barzagli: "Il Napoli ha fatto un grandissimo campionato"
Dura replica di Nicchi a De Laurentiis
Interviste     11 Maggio 2018 
"C´è la Procura federale che se vuole valuterà le affermazioni del presidente del Napoli"
Dura replica di Nicchi a De Laurentiis
De Laurentiis:"Ci hanno tolto 6-8 punti"
Interviste     5 Maggio 2018 
"Sono d´accordo con chi sui social dice che lo scudetto lo ha vinto il Napoli. Sarri ha altri due anni di contratto ma..."
De Laurentiis:"Ci hanno tolto 6-8 punti"
Commenti  
 Google Alert
I Google Alert vengono in-
viati via e-mail per segna-
lare i nuovi articoli pubbli-
cati su SoloNapoli.com
Frequenza:
E-mail:
 Free E-mail
Username:
Password:
 Newsletter
Le news sul Napoli
nella tua mailbox
Tua e-mail:
© SoloNapoli - Credits - Disclaimer