SoloNapoli
 HOME | CRONACA | INTERVISTE | MERCATO | VIDEO | FOTO | STAGIONE | FORUM  
Cerca in:
Google SoloNapoli
Cronaca
Lavori a rilento al San Paolo

Cronaca     4 Agosto 2018     Fonte: Il Mattino

Un enorme deserto costellato da centinaia di cumuli di materiale di risulta abbandonato anche e soprattutto nelle sue viscere


Lavori a rilento al San Paolo Sembra un poligono di tiro dopo l'esercitazione di un plotone dei Marines e si sa che in America si spara con l'artiglieria pesante anche se il nemico è solo immaginario. Il San Paolo è sventrato, sporco, un deposito di macerie non solo sulla ex pista di atletica grattata via da un paio di ruspe, questo sarebbe nulla. Lo stadio - se per questo si intende un luogo dove accogliere i tifosi che vogliono assistere a uno spettacolo in sicurezza - di fatto non c'è più, è un buco con il nulla intorno.
Anzi, un enorme deserto costellato da centinaia di cumuli di materiale di risulta abbandonato anche e soprattutto nelle sue viscere. Sì, un deserto perché ci si aspettava che all'opera, al lavoro, ci fossero decine di operai visto che il 25 inizia l'attività agonistica degli azzurri e si dovrebbe alzare il sipario. Invece, alle 16,25 ce ne erano solo sette, più tre tecnici che stavano collaudando le nuove balaustre. Più che operai, sembravano comparse messe lì per costruire solo la scenografia di un cantiere, una fiction.
«Quella che lavora è una ditta di Bergamo che dà garanzie» raccontano dal Comune. Prima ci si affidava al patrono San Gennaro per i miracoli, ora Palazzo San Giacomo per esorcizzare la paura che il 25 lo stadio resti chiuso, spera che la favola del nemico leghista, dell'efficienza nordica, si trasformi almeno per una volta in un fatto concreto. Tutto pur di giustificare quello che è un disastro organizzativo per lavori partiti in clamoroso ritardo. Perché? Prima c'è stato più di un anno di litigi tra Comune e Regione su come trasformare il San Paolo nello stadio delle Universiadi e questo va detto senza offesa per nessuno: absit iniuria verbis, è solo la realtà.
LE MACERIE
Intanto nel San Paolo si entra senza nessun controllo ed è facile notare che è frequentato da tante tipologie umane tranne quella che servirebbe veramente: l'operaio col suo caschetto giallo che laboriosamente ricostruisce lo stadio a partire dalle sue macerie. Né per questo il via vai continuo di auto e persone incuriosisce due figuri che sembrano custodi, appallottolati su sedie di fortuna, preoccupati solo di catturare qualche refolo di vento. In questo contesto tra 22 giorni - in caso di anticipo 21 - si sfideranno Napoli e Milan. Core 'ngrato Higuain contro patron De Laurentiis, Ancelotti e la sua prima volta a Fuorigrotta, l'inizio del nuovo romanzo azzurro in campionato. Ma si fa fatica solo a immaginare di aprirlo il San Paolo, messo male sotto il profilo della sicurezza. A dare l'ok dovrà essere una commissione prefettizia composta anche dai vigili del fuoco ed è difficile, molto difficile, che ciò accada, almeno a oggi. Il Mattino ha iniziato il suo tour dalla Tribuna Posillipo e dopo una circumnavigazione da dentro dell'intero impianto, si può dire che non c'è un solo antro di accesso agli spalti che non sia trasformato in discarica. Sediolini abbandonati, quintali di ferraglia arrugginita accatastata, bagni divelti. E lavori da fare che sono infiniti se si pensa che contro il Milan ci sarà la folla delle grandi occasioni e bisogna almeno ripulire dai chiodi e dagli spezzoni di acciaio sui quali si è costretti a camminare.
I TEMPI
Al netto della pulizia ci sarà da montare almeno le nuove balaustre, un obbligo sul fronte della sicurezza per garantire da un lato vie di fuga più larghe e dall'altro che dagli anelli superiori non si precipiti di sotto. Si tratta di un doppio vetro incastrato in dei binari ancorati nel cemento armato. Alcune già hanno i vetri in frantumi e se l'inizio è metà dell'opera c'è da fare gli scongiuri. Ne sono state montate poche decine, ne servono centinaia. Che scenario si prospetta? Facciamo due conti: da oggi al 25 ci sono 22 giorni di tempo per risistemare l'impianto, se si lavorasse anche nei festivi. In caso contrario bisognerebbe escludere le prossime tre domeniche e il giorno di Ferragosto e si scende a 18. Se non si lavora nemmeno il sabato si scende a 15. Il sopralluogo della commissione prefettizia che deve dare il via libera all'apertura dello stadio si fa 48 ore prima dell'evento e si arriva a soli 13 giorni lavorativi per trasformare un campo di battaglia in un impianto che deve accogliere tra i 40 e i 50mila spettatori. A Napoli il 13 è un numero fortunato ma se il Napoli gioca il 21 in anticipo allora nemmeno la cabala potrà venire in aiuto.

Notizie Correlate
De Laurentiis: "Voglio riportare le famiglie al San Paolo"
Interviste     31 Maggio 2019 
"Sto studiando con il capo di gabinetto del Comune Auricchio, che è una valida persona dell’amministrazione, per firmare la nuova convenzione e poi vedere come migliorarl"
Furto di faretti al San Paolo
Cronaca     22 Maggio 2019 
Nei bagni della curva A, appena messi a nuovo in vista delle Universiadi,
San Paolo, ecco come sarà a breve
Cronaca     1 Maggio 2019 
I tifosi del Napoli possono farsi già un’idea di come sarà il loro stadio una volta terminati il vaori di maquillage in corso
San Paolo, ecco come sarà a breve
San Paolo, ultimatum del Comune al Napoli
Cronaca     22 Gennaio 2019 
Un invito firmato dal dirigente dello sport Gerarda Vaccaro che contiene una richiesta economica precisa
San Paolo, ultimatum del Comune al Napoli
Il calcio a Napoli, breve storia degli impianti sportivi
Cronaca     10 Dicembre 2018 
Dai primi campi all’inglese fino al San Paolo, passando per crolli, bombardamenti e tribune storiche
De Magistris: "Su stadio De Laurentiis bluffa"
Interviste     20 Novembre 2018 
"Non ho mai creduto all´addio della squadra dal San Paolo"
Questione stadio, riavvicinamento in atto
Cronaca     11 Ottobre 2018 
Sgambati: "Credo esistano i presupposti perché si trovi un accordo che accontenti tutte le parti"
De Magistris: "Il Napoli giocherà al San Paolo"
Interviste     11 Settembre 2018 
E il sindaco di Bari: "Le squadre devono giocare nelle proprie città. Tra l´altro il San Nicola non credo abbia l´agibilità Uefa"
De Magistris: "Il Napoli giocherà al San Paolo"
De Laurentiis: "Porto il Napoli a Bari!"
Interviste     11 Settembre 2018 
"Ho chiesto alla Uefa l’autorizzazione a disputare le partite casalinghe di Champions al San Nicola"
De Laurentiis: "Porto il Napoli a Bari!"
Ruiz: "Ho voglia di fare bene"
Interviste     10 Settembre 2018 
"Il Napoli ha fatto un grande sforzo per me e ora devo ripagarlo in campo. Imparerò molto da Ancelotti"
Ruiz: "Ho voglia di fare bene"
Commenti  
 Google Alert
I Google Alert vengono in-
viati via e-mail per segna-
lare i nuovi articoli pubbli-
cati su SoloNapoli.com
Frequenza:
E-mail:
 Free E-mail
Username:
Password:
 Newsletter
Le news sul Napoli
nella tua mailbox
Tua e-mail:
© SoloNapoli - Credits - Disclaimer