3,57 reti a partita, media-gol da primato

 Cronaca     7 Ottobre   Fonte: Corriere dello Sport

La proiezione supera i record di Torino (125) e Milan (118)


È la somma che fa la differenza (enorme): e tre più tre più tre più sei più quattro più tre più tre lascia (persino) una traccia di Storia, un solco che conduce nell’Olimpo degli dei, fianco a fianco con il calcio che vive (ancora, per sempre) e che rimane però per il momento un puntino in lontananza.

Si scrive Napoli e si avverte un brivido - per gli esteti, per gli amanti della statistica - che alla venticinquesima «ola» in campionato, ma in appena sette gare, imprime un marchio a fuoco su quel ch’è stato e lascia immaginare ciò che potrà accadere: sono 3,57 gol a partita, un ritmo incontrollabile, si direbbe scioccante, ma soprattutto una proiezione impressionante, capace di sgretolare qualsiasi precedente, di demolire ogni opposizione dialettica, di confluire in una dimensione seriamente favolistica da 135 (centrotrentacinque) reti in trentotto giornate.

ESONDA - È il calcio made in Naples che ormai s’è costruito un suo cliché, sa di inclinazione e magari è vocazione artistica che si è fusa nel mercato del 2013 di Benitez e di Riccardo Bigon (Callejon, Mertens, Higuain) con ciò che c’era (Insigne, Hamsik) e con tutto quello che poi è arrivato in questo biennio con il direttore sportivo Giuntoli e in panchina Maurizio Sarri.

È una scelta ormai filosofica, un atteggiamento, una postura, una tendenza ad essere gustosissimo, a piacere (magari anche a piacersi) in una verticalità quasi assoluta, una forza devastante dentro come un’onda anomala che si abbatte su chiunque: nel 2014, al termine del Rafa-1, furono 77 i gol in campionato (e 104 in assoluto) e poi, nel Rafa-2, fu toccata ancora (complessivamente) quota centoquattro, vette apparse teoricamente inaccessibili, invece esplorate, anzi cancellate, pardon ricostruite, con gli exploit dell’attuale tecnico azzurro, che in due anni è arrivato prima ad ottanta e poi a novanta (anzi a centoquindici nel totale, coppe comprese) e che adesso va persino oltre, senza che possa esistere una percezione definitiva del traguardo.
 
COMMENTA
CORRELATE
Nessuno come il Napoli in Europa
Cronaca     15 Ottobre 2017 
Gli azzurri restano nei grandi campionati gli unici a punteggio pieno. Una striscia, quella dei successi, che considerando anche lo scorso campionato sale a 13
Albiol: "Napoli sogna lo scudetto"
Interviste     12 Ottobre 2017 
"La squadra lo sa, lavoriamo per questo. Sono al quinto anno in azzurro e sono molto felice per la mia esperienza napoletana"
Albiol: "Napoli sogna lo scudetto"
Hysaj: "Scudetto? Ci crediamo tutti"
Interviste     7 Ottobre 2017 
"Il City? Sì, è una grandissima squadra e non vedo l’ora di affrontarlo per capire a che livello siamo"
Hysaj: "Scudetto? Ci crediamo tutti"
De Laurentiis:"I conti si fanno alla fine"
Interviste     7 Ottobre 2017 
"Non conta essere lassù adesso ma a fine marzo. Sarri? Con noi almeno dieci anni. KO Milik? Ho investito su Inglese"
De Laurentiis:"I conti si fanno alla fine"
Rui: "Vinciamole tutte"
Interviste     5 Ottobre 2017 
"Nello spogliatoio ne parliamo, ma l’importante è dare continuità alle prestazioni. Solo così potremmo arrivare lassù a fine stagione"
Rui: "Vinciamole tutte"
Ferlaino: "Alla Juve non piace il Var"
Interviste     5 Ottobre 2017 
"A me piace e credo che debba piacere anche alla squadra di Sarri, che è il vero Maradona del Napoli attuale"
Ferlaino: "Alla Juve non piace il Var"
Hamsik: "Sarri ci ha dato un'identità"
Interviste     3 Ottobre 2017 
"Negli ultimi tre anni siamo migliorati per questo che ora credo sia arrivato il momento in cui possiamo vincere"
Hamsik: "Sarri ci ha dato un
Video: Salvini canta "Un giorno all'improvviso"
Cronaca     3 Ottobre 2017 
Il leader leghista si è reso poi protagonista di un simpatico siparietto a Radio Marte
Meraviglioso, devastante, incontenibile
Cronaca     3 Ottobre 2017 
Il Napoli, dopo sette giornate di campionato, guarda tutte le rivali dall´alto verso il basso, come non succedeva dal settembre 2016
Meraviglioso, devastante, incontenibile
Careca: "Il Napoli gioca meglio senza Higuain"
Interviste     3 Ottobre 2017 
"Ci ha messo un anno ma ora ha superato il lutto. È stato un grande lavoro mentale prima ancora che tecnico"
Careca: "Il Napoli gioca meglio senza Higuain"
HOME
CRONACA
INTERVISTE
MERCATO
Torna in cima